Modi Sonorità Esempi

Sonorità ed esempi sui modi diatonici.

Ogni modo ha una sua sonorità caratteristica e distinte possibilità nella creazione della progressione armonica del brano.

  • Il modo ionico è quello comunemente conosciuto come Modo Maggiore.
    Moltissime canzoni sono in tonalità di modo maggiore:
    Happy birthday, Il cielo in una stanza di Gino Paoli, Imagine di John Lennon,
    Lo Ionico è il modo più “stabile”, proprio grazie alla struttura dei suoi gradi .
    Rende possibile una gran varietà di progressioni armoniche stabili.
    È l’unico modo dove, armonizzando la quadriade costruita sulla tonica, l’accordo di settima di dominante viene a trovarsi proprio sul quinto grado (dominante) (V7).
  • Il modo dorico è simile al minore, cui differisce per la sesta maggiore, che produce un accordo maggiore IV, e un accordo minore ii.
    Esempi di brano in tonalità di modo dorico sono:
    il noto brano tradizionale folk Greensleeves, Impressioni di settembre della PFM, Oye Como Va di Santana, Impressions di John Coltrane, So What di Miles Davis, Another Brick in the Wall dei Pink Floyd. My sweet lord di George Harrison.
    In questi i brani, la nota che “suona meglio” è proprio la sesta.
    l modo dorico è molto usato per la facilità di sovrapporlo alla scala blues, che ha in comune 3♭ e 7♭. Ne risulta una scala blues estesa, ovvero una dorica con l’uso delle blue note: 1, 2, 3♭, 4, (5♭), 5, 6, 7♭, 8.
  • Il modo frigio ha come caratteristica principale la seconda minore, che porta agli accordi ♭II e v (diminuito).
    Viene utilizzato poco a causa della sua sonorità piuttosto scura.  Troviamo alcuni esempi nel flamenco e nel metal.
    L’ artista Bjork lo usa  per le melodie delle sue composizioni.
    Spesso si applica il suo corrispondente, il frigio dominante, che è molto comune nel flamenco, tanto che lo si definisce a volte modo “spagnolo”.
    Il secondo movimento della Quarta sinfonia di Brahms inizia in modo frigio.
    È utilizzato più come soluzione melodica per il fraseggio che per definire tonalità di brani.
  • Il modo lidio ha il quarto grado aumentato. Questo significa che l’accordo sul quarto grado (iv) è semidiminuito invece che maggiore, quello sul settimo (vii) minore invece che diminuito, e infine quello sul secondo grado (II) maggiore invece che minore.
    Un esempio di brano scritto in tonalità di modo lidio è la sigla dei I Simpson; nella discografia di Joe Satriani si trovano molti brani lidi vedi Flyng in a blue dream.
    Si tratta comunque di un modo molto diffuso, anche nel jazz modale e nella classica (ad esempio il primo movimento della suite Lieutenant Kijé di Prokofiev).
    Frank Zappa  e Steve Vai ne hanno fatto largo uso, sia nelle composizioni che nei loro assoli chitarristici.
  • Il modo misolidio è simile al maggiore da cui differisce per avere il settimo grado abbassato di mezzo tono, quindi minore.
    La settima minore è con la tonica la nota cardine di innumerevoli Rock Blues e Funky guitar riff.
    Armonicamente è un accordo di settima di dominante.
    La particolarità del misolidio è il possesso nel suo accordo fondamentale dell’intervallo di tritono — ossia di quinta diminuita — precisamente formato dalla terza e dalla settima dell’accordo. La presenza del tritono fa sì che l’accordo possa reggere un’infinità di tensioni. Nel blues regge senza problemi la pentatonica maggiore e minore della tonalità, la scala blues e, volendo, anche l’esatonale.
    Si usa nel Funky, nel Country, nel Rock quando è maggiore.
    Un esempio molto noto di brano in modo misolidio è Norwegian Wood dei Beatles, che “sembrerebbe” in sol maggiore a patto di considerare fa naturale come “alterazione” e l’accordo di fa maggiore come accordo alterato, ma che va più correttamente considerato, per l’appunto, in sol misolidio.
    Altri brani misolidi sono The Mule dei Deep Purple o Freeway Jam di Jeff Beck, o ancora il celebre tema eseguito al minimoog di “è Festa” della Premiata Forneria Marconi. Molto riconoscibile nelle improvvisazioni di Jerry Garcia dei Grateful Dead.
  • Il modo eolio è meglio conosciuto come scala minore naturale; ovviamente, gli accordi maggiori di questo modo nascono sul terzo, sul sesto e sul settimo grado. Come già detto, all’interno di progressioni jazz su accordo min7 gli si può preferire il modo dorico, soprattutto su cadenze ii-V-I. Esempio di brano composto con il modo Eolio è Summertime di Gershwin. Facilmente, però, si trovano brani di modo minore in cui il fraseggio segue la scala minore armonica, in cui la settima è eccedente: una quinta sopra troveremo la corrispondente scala Frigia Dominante.
  • Il modo locrio, infine, ha sia la seconda minore che la quinta diminuita; questo significa che l’accordo sul primo grado i è semidiminuito (m7♭5), il che a sua volta implica che stabilire la tonalità è praticamente impossibile; i pochi pezzi classici scritti in questo modo usano l’accordo minore — quindi alterato — sul primo grado per stabilire la tonalità, e poi lavorano su iii e ♭V. L’instabilità del modo è tale che non si può nemmeno usare l’accordo sul secondo grado ♭II, perché diverrebbe immediatamente percepito come la nuova tonica di un brano in tonalità maggiore. Spesso l’accordo di questo modo è sostituito con quello del corrispondente modo Misolidio. Il locrio viene utilizzato con altri toni di passaggio da chitarristi come Steve Vai e Joe Satriani e nel death metal negli assoli, insieme a scale cromatiche.